Do NOT follow this link or you will be banned from the domain!
Beta 3.3
English Italian Russian
my



↓ Are you not registred? Register now. ↓

Write your email.

*
Once submitted you will agree to the term of privacy.

We incourage you to complete the form using valide credentials.

Write your email and becomes part of the Complit world.

That is the only way we can help you.

complit made in italy
Made in Italy
HATELIER


In una terra ricca di storia e di fertilità, tra le verdi ed armoniose alture delle marche centro meridionali, figlia della laboriosità picena, si estende una zona che con coraggio e sacrificio ha saputo guadagnarsi un onorario appellativo di creatività; un'apposizione che oltre a caratterizzare vanto in quella umile terra rende fiera ciò che l'Italia ha sempre saputo fare: CREARE.
Qui in particolare la magia invade l'arte della moda, o meglio quella dell'accessorio.
Qui nel cuore dell'ormai divenuto "centro internazionale del cappello" sulle basi di insegnamenti pervenuti dall'artigianato piceno (quale intreccio di paglia e vimini), un uomo dall'animo visionario ha dato origine ad un progetto innovativo che mirava a far di questo mondo manifatturiero un tesoro, non solo in Italia ma anche in Europa!

‘‘
Stavamo in tre in quel treno che non sapio se camminava o meno. C'era 'na gran confusio' quando un tiziu di fronte me cumincia a di' checcosa: parlava na lingua che non se putia proprio capì ... e natru che de reto spunta, pegghio ancora!!!
’’




Da li in poi iniziò un discorso antico, quasi una confessione, in bilico tra gestualità infantili e sguardi profondi: i tre semplici uomini stavano scrivendo la loro storia direttamente nelle proprie anime.

"Sembrava de veni' da un munnu completamente diversu... Poi so capito tutto senza che pensa' a na parola sola: l'Umanità."

Non so se è stata fortuna o semplice caso, ma li, nell'Estate del '67, in terre ancora misteriose come quelle della Germania, sopra i sedili scomodi di un treno regionale, nacque un rapporto che si è spento solo 20 anni dopo.
Un rapporto "commerciale-umano" che diede un tale slancio al neo imprenditore Mario Antinori da farne accrescere la stima e la ricchezza nel proprio progetto; progetto che dopo anni ha trovato supporto in una nuova generazione che, più pronta per un mondo globalizzato e preparata alle decisioni delle nuove politiche commerciali, ha cercato al meglio innalzare ancor più l'ebrezza di quel sogno.

E' la volta di Luigi "Amedeo" Antinori, che con coraggio e fermezza di spirito, sicuro della propria visione imprenditoriale, una volta alle redini dell'azienda, inizia a processare l'ordine di quantità produttiva ai fini di stimolare un lavoro di ardua ricerca mirato alla qualità e alla voglia di poter essere creatore e immagine di una moda nuova ricca di dettagli...
Finalmente ci siamo: Ė il 1989, la storia cambia, il mondo si apre ad una nuova visione: la caduta del Muro annuncia una nuova era economica. Niente è più come prima e nell'aria si respira finalmente innovazione e cultura d'impresa. Il mondo comincia ad essere meno stretto e quegli standard che prima erano limitati a poche terre, ora, sono quasi internazionali...
...In questo contesto, Luigi, affiancato dalla moglie Marisa Riccucci, crede nel binomio "marito-moglie" che fa da cornice e base all'intera ricerca. Così, insieme, approdano in un progetto che sa d'avanguardia: proporre al mondo un prodotto che, oltre a rappresentare l'eleganza e le tendenze delle mode correnti, possa esibire la personalità tipica dell'artigianato e della famiglia.

Nasce la Complit s.r.l: un'azienda creata sulla famiglia ed un gruppo molto giovane, ricco di idee, compatto e determinato.
Il progetto non è più manifestazione del singolo, ma espressione di un'intera azienda dove ogni membro è fondamentale nell'atto di stimolare ed avvalorare l'impegno creativo in un'atmosfera di serio divertimento e condivisione.

Crediamo nello spirito di squadra lavoriamo per una nuova idea di gruppo ammiriamo la bellezza dell'artgianato viviamo con la nostra gente amiamo il nostro territorio ed in maggior modo crediamo nell'umiltà delle creazione unico vero motore del nostro paese. Noi siamo la Complit ... semplicemente.

‘‘
**P.s. In quanto all'"Umanità", noi neanche sappiamo bene di cosa si tratti: forse di un errore grammaticale dovuto alla poca cultura dei nostri nonni, forse ad uno stile di vita votato al rispetto dell'altro. Comunque sia, la nostra tradizione, delle Marche, si poggia spesso su storie dal sapore di leggenda che ci hanno da sempre spinto a sognare più di quanto il tempo che viviamo ci invita a fare...

Speriamo che crediate i noi!

La Complit tutta.
’’